Moda uomo: Una primavera estate 2018 di revival

Si sono da poco concluse le più importanti man’s fashion week : Milano e Parigi.

Tirando le somme, vi mostriamo una piccola guida su abiti, scarpe ed accessori da avere assolutamente nel guardaroba maschile per la primavera estate 2018.

La camicia, intramontabile passe-partout dell’abbigliamento maschile, viene vista sotto una nuova luce. Destrutturata sulla passerella di Marni, con foto d’autore e over quella pensata dallo stilista Jil Sander, ricca di  ridondanti decori quella firmata Ports 1961.

Non solo camicie ma anche giacche destrutturate. Il completo perde rigidità e rigore ma non l’eleganza, accompagnando la fluidità del corpo di chi lo indossa. Così il blazer non è più solo il capo da ufficio ma diventa il compagno ideale anche per il tempo libero. Lo presenta in tessuto leggero grigio antracite il maestro indiscusso del genere, Giorgio Armani.

Come nelle passerelle femminili anche in quelle maschili vengono riproposti i bermuda cachi. Bellissime le “divise”  proposte da Prada e Salvatore Ferragamo.

Tra le stampe tipiche della primavera estate le intramontabili stripers. Si portano in estate come tutto l’anno.  A bande larghe per Vivienne Westwood, gessate dai colori soft per Diesel Black Gold e Daks.  Black and white sulla passerella di Givency by Riccardo Tisci.

Stampe floreali per gli uomini più eclettici, total look ricchi di petali e trionfanti di colori arrivano dal catwalk di Fendi ed ovviamente Gucci.

Meno banale la stampa a quadretti ed a dar vita ad outfit che non passano inosservati ci pensa J.W Anderson con una stampa multicolor e da Gosha Rubchinskiy che le abbina alle bretelle accostamento assolutamente da riproporre.

Il denim, il tessuto per eccellenza si fa spazio e regna sopra ogni altra cosa. I look diventano monotessuto c’è solo un’indicazione da tenere a mente : il lavaggio per la prossima stagione deve essere rigorosamente chiaro e delavè. Detta tale legge tra i tanti Sulvam.

 

Infine, i seventies, decennio ultimamente molto contemplato: se Ballantyne ne recupera le geometrie esagerate, stampandole sui maglioni, Ermanno Scervino trova nuovi volumi più contemporanei per i completi da dandy con microstampe e broccati in colori cupi dalle linee slim. Infine, Bally prende in prestito i colori accesi, per dare forma ai nuovi completi da giorno: abbinati a camicie dai colori pastello con stampe più tenui, gamba slim ma leggermente svasata sul fondo. I seventies sono tornati per rimanere.