Sports

Un grande fallimento

Grande fallimento azzurro: Italia fuori dal Mondiale

Quella di ieri sera è stata sicuramente una delle serate più tristi della storia del calcio italiano. Non succedeva dal lontano 1958. Sembra di vivere un incubo, uno di quelli che si desidera dimenticare in fretta una volta svegliati, ma purtroppo è la triste e crudele realtà, specchio di un grande fallimento: la nazionale italiana non parteciperà ai prossimi Mondiali in Russia. Contava solamente vincere, non importava come. Non c’era tempo di migliorare il gioco, le idee, la manovra, la formazione e mille altre cose ancora. Non c’era tempo per criticare le scelte di Ventura, ancora una volta discutibili. Non c’era tempo per le chiacchiere italiane da bar, per fare gli allenatori. Bisognava stringersi tutti insieme come un tempo e portare il risultato a casa. La nostra più grande forza e caratteristica principale è stata sempre quella di fare grandissime prestazioni sotto pressione, quando ci trovavamo con le spalle al muro. In quelle situazioni la nazionale italiana trovava sempre la forza di sorprendere tutti e andare avanti. La storia recente del nostro calcio ci insegna che le cose sono cambiate. Il movimento calcistico ha toccato il fondo, il punto più basso dal 1958. E le lacrime amare di Buffon, forse mai visto così, ci danno testimonianza di quanto accaduto. Il portiere azzurro avrebbe giocato il suo sesto mondiale in carriera e sarebbe stato l’unico giocatore nella storia del calcio ad averlo fatto. Siamo giunti alla fine di un ciclo, dato che lasceranno la nazionale anche colonne come De Rossi, Barzagli e Chiellini. Due mondiali disastrosi (2010 e 2014) e ora anche la non qualificazione a Russia 2018. L’intera nazione e l’intero movimento sono giunti al punto di non ritorno. Molto difficile trovare le parole giuste per descrivere quest’apocalisse. Altrettanto arduo provare ad immaginare un mondiale senza Italia, senza i colori azzurri, visto che tanti di noi nemmeno erano nati l’ultima volta che accadde una cosa simile. Molti vorranno dimenticare velocemente questa partita, come si fa con le cose dolorose. Ma soltanto non dimenticando si può far sì che una cosa del genere non succeda più. Solamente affrontando le cose dolorose, perché di cosa dolorosa si tratta, si può andare avanti, ci si può rialzare e non commettere più tali errori.

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *