Cultura

Julio Cortázar e il gioco del mondo

Julio Cortázar è stato, insieme a Jorge Luis Borges, uno dei più grandi scrittori sudamericani di racconti fantastici. Nato a Bruxelles il 26 agosto 1914 da genitori argentini, divide la sua vita tra Argentina e Francia. Fin da piccolo è un grande appassionato di Edgar Allan Poe, mostrando quindi da subito una predilezione per il genere fantastico, surreale e il mistero.

“Ci fu un tempo in cui pensavo molto agli axolotl. Andavo a vederli nell’acquario del Jardin des Plantes, e mi fermavo ore intere a guardarli, osservando la loro immobilità, i loro oscuri movimenti. Ora sono un axolotl.”

Cortázar è un vero maestro del racconto. Attraverso questa forma esprime la dimensione che esiste al di là della realtà quotidiana. Ed è proprio da questa, che all’improvviso, accadono cose strane, eventi inspiegabili che lasciano addosso un senso di inquietudine ed ansia. Quello che accade non viene spiegato, né giustificato. Accade e basta. Non bisogna chiedersi il perché. Ad esempio nel racconto “Casa occupata” i due protagonisti che vivono insieme, si trovano costretti a dover abbandonare la casa, perché occupata da qualcuno o qualcosa, e prima di andarsene chiudono a chiave la porta d’ingresso per paura che qualcuno possa entrare a rubare. Eventi fuori dall’ordinario succedono e l’abilità di Cortázar sta nel mostrarceli, evidenziano diversi livelli di realtà.

Anche Borges, come abbiamo detto, rientra nella letteratura fantastica attraverso i suoi racconti. Tra i suoi temi principali troviamo: l’enciclopedia, la biblioteca, il labirinto, il tempo, la confusione tra realtà e finzione, il mondo come sogno di qualcun altro. “La biblioteca di Babele” è l’immagine di un labirinto in cui l’umanità e il lettore si perdono. Qui si descrive un universo, la biblioteca, che si compone di un numero indefinito, forse infinito, di gallerie esagonali (la cui distribuzione è invariabile). Nell’atrio c’è uno specchio che raddoppia le apparenze. La Biblioteca è interminabile ed esiste ab aeterno. Questo universo è così enorme che ogni riduzione umana risulta infinitesimale e ogni esemplare è unico, insostituibile, ma, ci sono sempre centinaia di migliaia di copie imperfette. Il narratore sospetta che la specie umana stia per estinguersi mentre la Biblioteca sia destinata a permanere: solitaria, infinita, immobile. Inoltre crede che non sia illogico pensare che il mondo sia infinito ed insinua una soluzione: la biblioteca è illimitata e periodica. Gli uomini si affannano in questa biblioteca alla ricerca del Libro che contenga la verità. Questa biblioteca infinita, dove i libri presentano una finita sequenza di caratteri, per cui ogni possibile libro si ripete infinite volte, ci pone di fronte alla metafora dell’eterno ritorno. Proprio perché vi esistono tutti i possibili libri, con tutte le verità e le falsità, la prospettiva della Biblioteca è incommensurabile con quella della specie umana.

L’opera più grande di Cortázar

Tornando a Julio Cortázar, il suo capolavoro è sicuramente “Rayuela (il gioco del mondo)”, del 1963. Questo antiromanzo ci mostra la divisione dell’anima dello scrittore. La trama si divide infatti tra la Francia e l’Argentina. Inoltre ci sono due possibilità di lettura di quest’opera: o si parte dal primo capitolo per arrivare al capitolo 56 e trovare tre asterischi che indicano la fine; oppure partendo dal capitolo 73 e seguendo una tavola d’orientamento stabilita dall’autore. “Rayuela” è stato definito anche un iper-romanzo, termine coniato da Italo Calvino. La definizione che ne dà Calvino è “d’infiniti universi contemporanei in cui tutte le possibilità vengono realizzate in tutte le combinazioni possibili”, dove le sue parti “sviluppano nei modi più diversi un nucleo comune, e che agiscono su una cornice che li determina e ne è determinata”, che funziona come “macchina per moltiplicare le narrazioni”, “costruito da molte storie che si intersecano”. Come esempi di romanzi o racconti che rientrano in questa definizione, Calvino cita “Il giardino dei sentieri che si biforcano” di Borges e il suo “Se una notte d’inverno un viaggiatore”.

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *