Attualità, Politica

La generazione “Erasmus” e le lobby

Lo scorso venerdì 7 luglio si è tenuto un incontro nella Sala del Refettorio della Camera dei Deputati, tra studenti universitari e il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani. Il tema trattato è stato quello delle lobby in Europa e della generazione Erasmus. Tra i duecento presenti, tutti giovani under 30, vi erano varie associazioni come European People, Progetto Roma Tre, Sapienza in Movimento. Questo evento è stato utile per far incontrare realtà esistenti, per conoscersi meglio e per vedere come le associazioni possono aiutarsi le une con le altre.

È intervenuto anche Marco Parroccini, presidente di European People, dicendo di come la sua associazione sia nata tra giovani europeisti con l’obiettivo di riunire persone. Ha mostrato la volontà di dare speranza ai giovani e al loro futuro. Non è la politica che sbaglia, ma, gli interpreti della politica che sbagliano la loro preparazione e il loro lavoro. Ha parlato anche Simone Rebechini, presidente di Sapienza in Movimento, il quale ha spiegato come il mondo dell’associazionismo è tutt’altro che marginale. Il ruolo dell’associazione è fondamentale; la realtà associativa riporta lo studente al centro ed è il riflesso di chi ne fa parte.

Si cerca quindi la possibilità di creare nuove reti e nuovi contatti, di rafforzare la posizione dei giovani. Dove c’è crisi di valori l’associazionismo serve ad arginare.

L’utilità delle associazioni e il bisogno di radunare giovani

Tra gli ospiti intervenuti durante la giornata c’è stata l’onorevole Deborah Bergamini, responsabile della Comunicazione di Forza Italia. “L’unione fa la forza” dice la Bergamini, in un paese che non sempre incoraggia l’unione, avvantaggiando logiche individualistiche che lasciano il tempo che trovano e non riescono a prevalere. Ha raccontato poi la sua esperienza personale: da ragazza ha lasciato l’Italia accettando una borsa di studio in America. Questa è stata una carta in più da inserire nel curriculum e che le ha permesso di svolgere altre attività all’estero. Ovviamente tornata in Italia si è trovata davanti una realtà diversa, dal momento che qui non era cambiato nulla. Da qui la consapevolezza di non poter sovvertire il sistema da sola e la decisione di dedicarsi all’attività politica che l’ha portata in Parlamento. Ci spiega cosa serve per cambiare la realtà intorno a noi. Ci si riunisce in associazioni: persone con la stessa forza, che utilizzano strumenti moderni (come i social) stanno già cambiando le cose. Occorre una fortissima volontà, consapevolezza sociale e occuparsi del futuro.  L’Italia è un paese in cui la popolazione è invecchiata, ecco perché occorre che le istituzioni rappresentative recuperino una capacità di attrazione verso i giovani, che è molto debole e a volte quasi respingente. Per un giovane avvicinarsi alla politica è un percorso ad ostacoli. Ci sono mille modi per fare politica: superare lo scetticismo e guardare l’Europa con meno diffidenza. Ha concluso l’intervento dicendo che bisogna sensibilizzare al senso di appartenenza a questa comunità che è l’Unione Europea e che bisogna spezzare lo stereotipo che l’Italia è un paese poco serio e non molto determinato a difendere il proprio interesse.

La conferenza ha visto inoltre la presenza di altri ospiti, come Frank Silvio Marzano, docente alla facoltà di ingegneria, monsignor Lorenzo Leuzzi, cappellano del Parlamento e l’avvocato Massimo Baldinato. Il primo ci ha parlato della relazione tra spazio, tecnologia e scienza; della ricerca, della formazione e dei giovani; dell’Italia, dell’Europa e del futuro. Il secondo ha ribadito l’importanza dei giovani e il bisogno di una nuova classe dirigente. Infine Massimo Baldinato ha parlato delle lobby e della rappresentanza di interessi a Bruxelles. Presentare il mondo della lobby come mondo di corruttori non aiuta nessuno. Non necessariamente i lobbisti sono dei farabutti, o rappresentanti di grandi aziende, anzi rappresentano anche la Caritas. Il consiglio offerto ai giovani è quello di sapersi muovere come una lobby.

La battaglia contro il populismo e l’anti-europeismo

“I giovani sono il futuro. Non bisogna mai smettere di credere in determinati valori e nella nostra identità europea”

A conclusione della giornata è intervenuto il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani. Ha iniziato il suo discorso affermando che i ragazzi sono il futuro, non devono perdere la speranza e devono essere messi in condizioni di poter realizzare i loro sogni. Ha parlato poi dell’importanza del programma erasmus: ha raccontato la storia di una ragazza che ha partecipato a questo progetto, grazie ad un finanziamento dell’Unione europea, e una volta finito è diventata un’imprenditrice. L’importanza di conoscere almeno due lingue, dell’impresa agricola che può creare lavoro, dato che non ci si può basare solo sul mondo della finanza. Non bisogna perdere gli stimoli giovanili, non smettere mai di credere, di avere degli ideali, dei valori che siano dei punti di riferimento. Vale la pena di difendere la nostra identità europea, la nostra storia. Anche il Presidente si è poi espresso sulla questione lobby, reputandole né buone né cattive. Il lobbista è portatore di alcuni interessi, è un ambasciatore. Se questo è un corruttore è un conto, ma se è un portatore di interessi ad un politico, è legittimo. Essere onesto o disonesto è un comportamento che va applicato ad ognuno, non solo al lobbista. Ha terminato dichiarando di non essere contrario alla presenza di questa figura. L’incontro si è alla fine concluso con la consegna di alcune proposte al Presidente Tajani, come: cambiare alcune norme legate al tirocinio, avvicinare le università al mondo del lavoro e rendere i giovani maggiormente protagonisti con strumenti di lobbing.

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *