Attualità, Politica

Dopo il “Rosatellum”, ecco il “Tedescum”!

Lo stallo sulla legge elettorale sembra aver trovato un punto di sblocco

Dopo mesi di febbrile attesa sembra finalmente giunto il momento che tutti gli italiani (o quasi) stavano aspettando: dopo la bocciatura del famigerato “Rosatellum” è stato in settimana depositato il nuovo progetto di legge elettorale, latinizzato in “Tedescum”, la cui votazione alle Camere sembra sia stata fissata per il 7 luglio. Dopo un il raggiungimento di un accordo fra PD, Movimento 5 Stelle e Forza Italia si è optato per una soluzione ispirata la modello elettorale tedesco, da qui l’appellativo teutonico.Il modello tedesco prevede che l’elettore esprima due voti: il primo elegge un candidato scelto in un collegio uninominale, di modo che il candidato che abbia ricevuto più voti possa sicuramente avere un posto riservato (un modo, si spera, per ridurre la distanza che divide il cittadino con i suoi rappresentanti eletti); con il secondo voto invece, l’elettore individua il partito preferito, in un sistema di liste bloccate, così poi da permettere una redistribuzione proporzionale dei seggi.

Come si è giustamente osservato però, la soluzione che si è adottata non convince tutti fino in fondo. Per prima cosa bisogna considerare che, come per il sistema elettorale tedesco, è prevista una soglia di sbarramento del 5% che ha messo in allarme i partiti più piccoli, in primis Area Popolare di Angelino Alfano. Ci sono state scintille fra il Segretario del PD Matteo Renzi e il Ministro degli Esteri Alfano, il quale teme fortemente che il suo partito, non riuscendo a superare la soglia di sbarramento, rimanga fuori dai giochi.Ma dopotutto lo stesso Matteo Renzi non si è detto entusiasta di questo sistema, che costringerebbe molto probabilmente a scomode alleanze post-voto anche i partiti più importanti del nostro panorama politico. Andrea Orlando, il principale avversario di Matteo Renzi alle ultime primarie del PD, ha addirittura sostenuto che questo sistema, e in particolare la soglia di sbarramento, potrebbero “mettere un tratto definitivo sul centro-sinistra”, arrivando perfino a proporre un referendum interno al partito per decidere le eventuali future alleanze.

Vi sono tuttavia, fra il sistema tedesco e questa sorta di ibrido nostrano, notevoli differenze: poiché il nostro sistema prevede un numero fisso di parlamentari, coloro che verranno eletti nei collegi uninominali verranno scalati dalle liste bloccate in maniera proporzionale. Ma soprattutto, molto probabilmente, non sarà possibile il voto disgiunto fra il candidato prescelto dall’elettore nei collegi uninominali e le liste bloccate individuate dal secondo voto. Queste significative “correzioni” hanno fatto a molti ritenere che l’effettiva somiglianza con il modello tedesco sia ben poca. L’ex Presidente del Consiglio Enrico Letta, intervistato dai giornalisti al Festival dell’Economia di Trento, ha pronunciato parole pesanti nei confronti di questa ultima legislatura, sostenendo che “[…] con questa legge elettorale è peggio che nella prima Repubblica”: l’eccessiva velocità con cui si sta passando dalla proposizione al voto, sostiene l’ex Presidente, non permette che essa sia valutata con la dovuta ponderazione, ed aggiunge che il sistema delle liste bloccate può perfino essere considerato un passo indietro rispetto alla prima Repubblica, dove almeno al cittadino era concesso di scegliere i propri parlamentari.

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *